Cancellino

Pubblicato il 18 giugno 2015 da antonella landi

Alla prima prova della maturità ho incontrato per la prima volta i 35 studenti che dovrò esaminare.
Li ho trattati come vorrei che fossero trattati i 14 studenti della mia quinta, anch’essi sottoposti al giudizio di un commissario esterno che li vedeva ieri per la prima volta e si ritroverà a dare di loro una valutazione importantissima dopo aver letto un solo elaborato e averci parlato a tu per tu sì e no dieci minuti.
Mi sono presentata dicendo il mio nome e confessando che ero molto felice di conoscerli.
Mentre aspettavamo l’arrivo del plico ministeriale, ho dato indicazioni per la prova scritta che avrebbero cominciato a buttare giù di lì a poco. Coraggio, originalità, personalità, no banalità, creatività, consultazione del vocabolario per qualsiasi minimo dubbio.
Poi ho speso le successive sei ore a contemplarli.
Guardandoli nei loro magnifici dettagli, cercavo di indovinare chi fossero i pianoforti, chi gli oboi, chi i violini, le chitarre, i corni, le trombe e i tromboni. Sono andata alla caccia del violoncello, cercando nelle dita di ciascuno i segni di quello strumento bellissimo e straziante il cui suono mi travolge.

Verso lo scadere del tempo uno di loro mi chiama gentilmente al banco per sottopormi una questione: la sua bella copia non risultava tanto bella a causa di alcune cancellature avvenute per ripensamenti finali.
“Non ti preoccupare -gli dico- l’importante è che il tuo elaborato sia ben leggibile e soprattutto che tu non abbia usato il cancellino.”
A quella parola le teste di tutti i suoi compagni si alzano e si voltano di scatto verso un altro ragazzo, che badava alla sua prova ma ora sgrana tanto d’occhi.
“Be’? Che avete da guardare tutti lui?!” chiedo.
“No, sa professoressa -dicono gli altri- sono cinque anni che lui dice cancellino e cinque anni che noi lo prendiamo in giro perché cancellino non si dice.”

Prima ho proposto di elevare il lemma alla dignità di sostantivo in uso comune per cui accettabile nell’italiano, come ogni altra lingua sempre in mutamento.
Poi mi sono nascosta per consultare nel mio iphone un numero cospicuo di dizionari online.

Cancellino esiste e si può dire.
Il mio amico Cancellino sarà molto favorito al colloquio orale.

Comments are closed.