Per tredici chilometri

Pubblicato il 7 agosto 2017 da antonella landi

La sveglia biologica, una colazione abbondante e naturale, la partenza, la salita, la spianata, i panorami, la discesa, il ponte di legno, il fiume guadato per tre volte a piedi scalzi, l’acqua gelida rigenerante, l’abbaio dei cani, la sosta sull’erba, la cioccolata a quadrettoni, gli autoscatti cercando di non ridere, gli incontri e i saluti, il cartello con la scritta Parco Naturale dello Stelvio, il lago, il rifugio, la polenta taragna con i funghi porcini, le caprette e gli asinelli, i cavalli, lo yogurt della latteria con i frutti di bosco freschi.
Ma bellina sai questa montagna.

img_7743

Comments are closed.