Menomale Pirelli c’è

Pubblicato il 28 novembre 2017 da antonella landi

Oggi tempuccio. Cielo da neve, temperature al limite dello zero, pioggerellina fine quanto bastarda, di quelle che ti ritrovi fradicia senza capire come.
Noi però alle Cascine ci si va lo stesso. Bobi ama il parco anche quando è deserto. Io pure. Il silenzio ovattato è rotto solo dal canto dei numerosissimi pappagalli fuggiti un tempo dalle gabbie e prosperamente riprodotti nonché perfettamente adattati al nostro clima, le foglie gialle rosse e marroni in terra fanno un fruscìo tutto dannunziano, il fiume che ci scorre accanto è un compagno liquido e confortante.
Ma ecco, in lontananza, un rabocchino bianco, una caccola a pelo medio, un ciuffo spettinato che corre a quattro zampe.
“Babbo, io voglio un cane” pare abbia detto un giorno la sua umana.
“Va bene, prendilo, ma a un patto.”
“Tutto quello che vuoi.”
“Lo chiamerai Pirelli.”

Ed eccolo qua, Pirelli, speperissimo, iperattivo, bocca a scimmia (= non mangia una sega), presenza fissa alle Cascine, padrone indiscusso del pratone dell’Anfiteatro, ennesimo amico di Bobi.

img_0153

Comments are closed.