La Badiola

Pubblicato il 30 marzo 2018 da antonella landi

La Badiola -un poggio sempre baciato dal sole alle spalle di San Giovanni- ha per me il sapore dei ricordi più struggenti. Quando ero una bambina il babbo e la mamma mi ci portavano spesso, per un pic nic, una passeggiata, noi tre da soli o con qualche parente molto amato, specialmente la zia Lolly. Ma quanto mi manca la zia Lolly? Tantissimo. E quanti anni erano che non ci tornavo? Tantissimi.
“Per salutarci prima della mia partenza per la Calabria -ha detto l’altro giorno il babbo- ti porto a pranzo al circolino della Badiola: sentirai come si mangia!”
C’era il sole, c’era il babbo e c’era Bobi. Il babbo aveva ragione: al circolino si mangia proprio bene.
“Quando io e la mamma s’era fidanzati -mi ha raccontato il babbo dopo pranzo camminando per i prati- si veniva sempre qua con la GS. Un giorno la si parcheggiò qui vicino al cimitero e poi ci s’imboscò un po’ tra le frasche a sbaciucchiarsi. E al ritorno (me lo ricordo come fosse ieri) c’era una serpe tutta acciambellata sul poggiapiedi.”
Bobi intanto spisciacchiava qua e là, contemplando il Pratomagno.
Siamo stati molto bene.

img_2566

Comments are closed.