Cirana e le altre

Pubblicato il 23 agosto 2018 da antonella landi

Sono stata alla cena di compleanno della Cri, moglie del cugino Gio.
Cri e Gio sono una splendida coppia, hanno due magnifici ragazzi grandi (uno ama i polli e le galline, l’altro sta per emigrare definitivamente in Spagna), vivono in Valdarno e possiedono quella magnifica colonica sgarrupata che confina con la tenuta di Sting e in cui io amo tanto andare sia d’estate sul pratone panoramico incastrato tra i cipressi che d’inverno al caldo della cucinona con il canto del foco.
A quella cena veramente non ci volevo rimanere, in Calabria ho ecceduto e ora a livello enogastronomico percorro una triste fase disintossicante. Il mio piano era passare al volo, fermarmi una manciata di minuti, consegnare in dono alla festeggiata un mio acquerello incorniciato, salutare e tornare alla città.
C’era però questo gruppo ridanciano di persone tra cui spiccava lei, Cirana, una delle donne più buffe conosciute in vita mia, simpatica avvocato autoironica, intelligente produttrice di battute perlopiù autolesioniste, e intorno a lei un coro garrulo di accoglienti cinciallegre di variegata estrazione e professione, tutte parimenti interessanti. E insomma non so come sia andata, mi sono ritrovata a tavola seduta in mezzo a loro che non conoscevo e insieme a loro ho riso riso riso fino ad avvertire quel dolorino addominale sintomo di un momento veramente divertente.
“Ehi, pss -mi bisbigliava sornione all’orecchio il cugino Gio bussettandomi il costato con il gomito- chissà cosa non ci tiri fuori domattina sul tuo blog con tutto questo materiale, eh?”
E invece m’è venuto il blocco e di una serata così bella non so che cosa scrivere.

Comments are closed.