Ho preso un cane

Pubblicato il 18 novembre 2018 da antonella landi

Libreria Alzaia, adiacente al cinema Stensen, ieri sera.

“Oooh, guarda chi c’è! Era così tanto che non ti facevi vedere! Cosa ti è successo?”
“Ho preso un cane.”
“Come, scusa?”
“Ho preso un cane.”
“Come, hai preso un cane?!”
“Proprio così, ho preso un cane.”
“E allora?!”
“E allora ho avuto da fare con lui.”
“Accidenti, per un anno e mezzo!?”
“Esatto.”
“Cioè, è per questo motivo che non sei più venuta in libreria?”
“Non sono più venuta in libreria, non sono più andata al cinema, non sono più andata a teatro, non sono più andata ai concerti…”
“Ma perché, scusa?”
“Perché ho preso un cane.”
“Ma anch’io ne ho uno, eppure ho continuato a fare tutto quello che facevo prima!”
“Io no, perché il mio cane è il più bello, buono, simpatico, meraviglioso, fantastico del mondo, e quindi da quando ce l’ho non m’importa più di niente, voglio stare solo insieme a lui e fare quello che fa lui.”
“E quindi cosa avete fatto, finora, te e questo super cane, sentiamo?”
“Abbiamo camminato, esplorato, giaciuto, sonnecchiato, giocato, riso, corso, viaggiato, meditato.”
“Bene. Adesso sei guarita?”

La gente non capisce.

Comments are closed.