Aiuto! Tradimento!!

Pubblicato il 21 gennaio 2019 da antonella landi

Se fai i Promessi sposi con la classe giusta, quando arrivi al capitolo ottavo puoi scialarti e buttarla sul teatrale.

“Paolo, vieni qua, siediti alla cattedra.”
“Perché?!”
“Te fidati, vieni qua e mettiti a sedere. Voi due, Pietro e Rohat, venite qua e mettetevi davanti a Paolo, dall’altra parte della cattedra, dando le spalle alla porta.”
“Ma perché?!”
“Uffa! Basta domande, muovetevi, venite qua. Tu, Riccardo, e tu, Alessandra, uscite dall’aula e mettetevi dietro la porta. Entrerete al mio segnale.”
“Ma cosa facciamo?!”
“Facciamo… il matrimonio a sorpresa!”

— Carneade! Chi era costui! — ruminava tra sé don Abbondio seduto sul suo seggiolone, in una stanza al piano di sopra, con un libricciuolo aperto dinanzi, quando Perpetua entrò a portargli l’imbasciata. — Carneade! questo nome mi par bene di averlo inteso o letto; doveva essere un uomo di studio, un letteratone del tempo antico: è un nome di quelli; ma chi diavolo era costui? — Tanto il pover uomo era lontano da prevedere che burrasca gli si addensasse in sul capo!

Il capitolo ottavo è bellissimo. Dinamico, comico, movimentato, perfetto da sceneggiare e inscenare. Se poi gli attori ti vengono dietro, il gioco è fatto. Tu, in disparte, leggi ciò che Manzoni ha scritto, loro agiscono fedeli.

“Deo gratias,„ disse Tonio, a voce spiegata.
“Tonio, eh? Entrate,„ rispose la voce di dentro.
Il chiamato schiuse le imposte appena quanto era necessario per passare egli e il fratello ad un per volta. La riga di luce che uscì d’improvviso per quella apertura e scorse a traverso.
“L’avrete inteso dire, sono ammalato, e non so quando potrò lasciarmi vedere… Ma perché vi siete tirato dietro quel… quel figliuolo?„
“Così per compagnia, signor curato.„
“Basta, vediamo.„
“Sono venticinque berlinghe nuove, di quelle col sant’Ambrogio a cavallo„ disse Tonio, cavandosi un gruppetto di tasca.
“Vediamo„ replicò don Abbondio: e preso il gruppetto, si rimesse gli occhiali, lo spiegò, cavò le berlinghe, le volse, le rivolse, le contò, le trovò irreprensibili.
“Ora, signor curato, mi darà la collana della mia Tecla.„
“È giusto„ rispose don Abbondio: e andò ad un armadio, e cacciata una chiave, guardandosi intorno come per tener lontani gli spettatori, aperse una parte d’imposta, riempì l’apertura colla persona, introdusse la testa per guardare, e un braccio per ritirare il pegno; lo ritirò, chiuse l’armadio, svolse il cartoccino, disse: “Va bene?„ lo ripiegò, e lo consegnò a Tonio.
“Ora,„ disse questi, “si contenti di mettere un po’ di nero sul bianco.„
“Anche questa!„ disse don Abbondio: “Le sanno tutte. Ih! com’è divenuto sospettoso il mondo! Non vi fidate di me?„
“Come, signor curato! s’io mi fido? Ella mi fa torto. Ma, siccome il mio nome è sul suo libraccio, dalla parte del debito…dunque giacchè ella ha già avuto l’incomodo di scrivere una volta, così… dalla vita alla morte…„
“Bene bene„ interruppe don Abbondio, e brontolando, tirò a sé un cassetto del tavolino, ne tolse carta, penna e calamaio, e si pose a scrivere, ripetendo a viva voce le parole, a misura che gli uscivano dalla penna. Frattanto Tonio e ad un suo cenno Gervaso, si posero in piedi dinanzi al tavolino in modo di togliere allo scrittore la vista della porta; e come per ozio andavano soffregando coi piedi il pavimento, per dar segno a quei di fuori che entrassero, e per confondere nello stesso tempo il romore delle loro pedate. Don Abbondio attuffato nella sua scrittura non badava ad altro. Al fruscio dei quattro piedi, Renzo prese un braccio di Lucia, lo strinse per darle coraggio, e si mosse traendosela dietro tutta tremante, che da per sè non vi si sarebbe potuta condurre. Entrarono pian piano, in punta di piedi, comprimendo il respiro, e si collocarono dietro i due fratelli. Intanto don Abbondio, finito di scrivere, rilesse attentamente, senza sollevar gli occhi dalla carta; la piegò, dicendo: “Sarete contento ora?„ e levatisi con una mano gli occhiali dal naso, porse con l’altra il foglio a Tonio, alzando la faccia. Tonio, stendendo la destra a prenderlo, si ritirò da una parte, Gervaso, ad un suo cenno, dall’altra: ed ecco, come al dividersi d’una scena, apparire nel mezzo Renzo e Lucia. Don Abbondio intravvide, vide, si spaventò, si stupì, s’infuriò, pensò, prese una risoluzione: tutto questo nel tempo che Renzo mise a proferire le parole: “Signor curato, in presenza di questi testimoni, quest’è mia moglie.„ Le sue labbra non erano ancora tornate in riposo, che don Abbondio aveva già lasciata cader la quitanza, afferrata colla manca, e sollevata la lucerna, ghermito con la destra il tappeto che copriva la tavola e tiratolo a se con furia, gittando a terra, libro, carta, calamaio e polverino; e balzando tra la seggiola e la tavola s’era avvicinato a Lucia. La poveretta con quella sua voce soave, e allora tutta tremante, aveva appena potuto proferire: “E questo …..„ che don Abbondio le aveva gettato sgarbatamente il tappeto sulla testa e sul volto, per impedirle di pronunziare intera la formula. E tosto, lasciata cadere la lucerna che teneva nell’altra mano, si aiutò anche con quella a ravvolgerle quel drappo intorno alla faccia, che quasi l’affogava; e intanto gridava: “Perpetua, Perpetua, tradimento, aiuto!„

Ora. A volte gli attori si fanno prendere la mano. E Paolo, scelto non a caso per interpretare don Abbondio, s’è calato troppo nella parte. E arrivato a questo punto, con una certa enfasi che generalmente non gli appartiene, si è precipitato alla finestra della classe, l’ha spalancata e (tra lo stupore divertito dei compagni e il mio sostegno incoraggiante) s’è messo a urlare: “PERPETUA! PERPETUA!”
Passava di lì sotto una collega. Aveva l’ora libera e frescheggiava tra gli alberi del parco, quando ha udito le grida.
“Ragazzi, che succede?” ha gridato anch’ella, dal basso.
“AIUTO!”
“Ma che succede? Vi siete fatti male? Devo chiamare qualcuno?
“TRADIMENTO!!!”
“Ma siete soli?! Non avete l’insegnante?!”
“PERPETUA! AIUTO! TRADIMENTO!!!”

E insomma m’è toccato interrompere la regia, affacciarmi alla finestra e tranquillizzare la collega. O si finiva sulla Nazione.

Comments are closed.