Compleanno amarcord

Pubblicato il 18 marzo 2010 da admin

Ama leggere, adora lo champagne e la sera prima aveva visto per la prima volta in vita sua quel film di Luc Besson in cui un sicario fascinoso si lega a una ragazzina a cui hanno sterminato la famiglia. Per questo ieri l’ho aspettato a casa tenendo tra le mani l’ultimo di Carofiglio, una bottiglia di Veuve-Cliquot Ponsardin e la pianta di Leon.

Lui, era tutto il giorno che pensava al ristorante giusto: tutto pesce a Viareggio? Cacciuccata a Livorno? Braciata di ciccia a Monte Morello? No.

Crostoni caldi croccanti e assortiti, tortina di verdure in fonduta e prosciutto crudo, dolce sbriciolone con pere e cannella al Fuori Porta in San Niccolò, il quartiere in cui abbiamo vissuto per sei anni, fino a un anno fa.

E per un dopocena di parole vino rosso e atmosfera, la casa del Pìgola, l’ex vicino con cui condividevamo il pianerottolo e l’allegra quotidianità.

Era un anno che non percorrevo la via che porta al Forte Belvedere, che non varcavo quel portone scortecciato, che non salivo quelle scale ripide e scivolose, che non vedevo quell’appartamento dove la luce è sempre soffusa e il tegame sempre fumante.

Loro brindavano.

Io mi smarrivo nei ricordi.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>