L’accoglienza

Pubblicato il 20 settembre 2010 da admin

Nei primi dieci giorni di scuola, detti “dell’accoglienza”, è vietato iniziare il programma e, ovviamente, interrogare. Al contrario, bisogna intrattenere gli studenti, metterli il più possibile a loro agio, mostrargli i luoghi-chiave dell’istituto (palestra, laboratori, gabinetti) e tranquillizzarli.

A me sinceramente, dopo tre lezioni dedicate a Manzoni e al suo intramontabile Romanzo, l’estrazione a sorte della prima vittima (pur effettuata al suono di rulli di tamburo simulati da quaranta mani che battevano sul banco e un coro che gonfiava in un crescente “oooooooooh….” culminato in un “… oollé!”) e il bombardamento di domande a cui l’ho gentilmente sottoposta, è sembrata la migliore delle accoglienze che potessi riservarle.

Siamo a scuola, mica in un albergo a cinque stelle.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>