Posti in piedi

Pubblicato il 17 novembre 2010 da admin

L’avrei voluto guardare in faccia, dal vivo, questa sera, al Palagio di Parte di Guelfa, lo scrittore di cui per anni mi sono chiesta: ma insomma, mi piace o non mi piace, mi convince o non mi convince? Il giardino di cemento, beh, Cortesie per gli ospiti, mh, Cani neri, mph, Espiazione, bah, Sabato, uhm, Chesil Beach, sì però, Bambini nel tempo, per carità non riesco a finirlo mi sento morire d’angoscia.
Finché un giorno mi cascò tra le mani L’inventore di sogni e decretai: sì, Ian McEwan mi piace un monte.
Perché chi sa scrivere per i ragazzi, sa scrivere per tutto il mondo.

Però a guardarlo in faccia, dal vivo, questa sera, al Palagio di Parte Guelfa, c’erano cinquecento persone.
E a me non è rimasta che la piazza, umida, buia, affollata di delusi come me.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>