Crin fulvo

Pubblicato il 29 novembre 2010 da admin

Solcata ho fronte, occhi incavati intenti,/ crin fulvo, emunte guance, ardito aspetto…
“Scusi, profe.”
“Dimmi, caro.”
“Cosa vuol dire crin fulvo?”
“Come spiegavo poco fa introducendo questo sonetto, nelle prime due quartine Foscolo descrive se stesso dal punto di vista fisico: ci dice infatti che la sua fronte è solcata, come colui che pensa in continuazione, ci dice che i suoi occhi sono incavati e concentrati, che le sue guance sono scavate, che il suo aspetto è comunque coraggioso…”
“Sì, ma crin fulvo come si traduce?”
“Ci sta descrivendo i suoi capelli: il termine crine indica appunto la chioma…”
“E fulvo che colore è?”
“Esattamente come il mio.”
“Ah, ho capito: arancione!”

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>