Panacee d’Oriente

Pubblicato il 25 gennaio 2011 da admin

“Profe, tenga: questa è per lei, gliela regalo io.”

“Ommioddìo, cos’è?”
“Come cos’è?! Non vede l’immagine? E’ una zuppa cinese a base di cereali, buonissima sia calda che fredda!”
“Oh, grazie… grazie mille. Ma… perché me l’hai portata?”
“Perché sapevo che oggi si dovrà fermare a scuola per il corso di Glottodidattica, così ho pensato che questo poteva essere il suo pranzo. Vede? Basta togliere il tappo, sfilare il cucchiaio all’interno e mangiare!”
“Sei gentilissima, disarmante, davvero un amore. Non so come ringraziarti. Purtroppo, guardami tu stessa, mi sento a pezzi, tossisco, mi fa male la gola, ho le ossa rotte, mi dolgono le palle degli occhi e temo di avere qualche linea di febbre. A pranzo andrò a casa per stare un paio d’ore al caldo e misurarmi la temperatura.”
“Si sente male?! Allora deve assolutamente mangiare queste: tenga, gliele regalo, sono castagne cinesi, bollite e pronte per essere consumate, basta sbucciarle e mangiare la polpa interna, sono perfette per la gola!”

Vedo preclusa ogni via d’uscita.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>