E se domani

Pubblicato il 25 gennaio 2011 da admin

“Ragazzi, dico anche a voi quello che ho detto poco fa nella classe dei cinesi: mi sento malissimo. Così, se domattina non dovessi essere a scuola, saprete perché.”

Nel successivo brusio di sottofondo sarei pronta a giurare di aver distinto, in questo esatto ordine di apparizione, le seguenti oscure parole: “oggi”, “tutti”, “casa mia”, “rituale”, “danza”, “febbrone”, “cavallo”, “a 40″, “una settimana”, “in culo”, “verifica”.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>