Trenta scoiattoli

Pubblicato il 15 febbraio 2011 da admin

Il meteo metteva pioggia e vento, tanto che ieri io e la collega accarezzavamo quasi l’idea di annullare l’uscita e rimandarla a data da destinare. Loro però seguitavano a sostenere che oggi sarebbe stata una magnifica giornata di sole e cielo azzurro.
Intuitiva lungimiranza orientale, spontanea perspicacia genetica, o rarissimo esempio di botta di culo? Boh.
Fatto sta che alle otto di questa mattina, se nella conca della città una nebbia grigia e ammorbata spingeva a sospettare il peggio, al Piazzale Michelangelo già s’intuiva che l’avevano azzeccata loro.

Abbiamo sceso le Rampe di Giuseppe Poggi, attraversato e ammirato il quartiere storico di San Niccolò, sostato in piazza Demidoff trattenendo il fiato davanti a una Firenze capovolta in Arno, attraversato quello che nel 1282 si chiamava Ponte Rubaconte, sfondato in piazza Santa Croce e conquistato panchine soleggiate, tagliato verso il Museo Galilei, riscavallato il fiume per essere deliziosamente accolti all’enoteca “L’Antica Mescita”, dove ingaglioffarsi di crostini neri toscani ai fegatini di pollo, coccoli caldi, fettunta d’olio novo, pappa al pomodoro, ribollita con verza e cavolo nero, salsicce e fagioli rifatti all’uccelletto al prezzo speciale per studenti cinesi di 10 euro tutto compreso. Per l’intera giornata ho avuto la sensazione di portare in giro trenta scoiattoli. Curiosi, attivi, scattanti, assetati di sguardi, passi, giri e ritorni. Incantevoli e incantati.

Tutto immortalato, ripreso, fotografato, filmato, immobilizzato, eternato.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>