Quella cosa lì

Pubblicato il 21 febbraio 2011 da admin

Avevo ritagliato e messo via per loro l’articolo letto sul Corriere della Sera e firmato da Pierluigi Battista sull’ingiustizia delle parole, dedicato al libro di Stefano Bartezzaghi Non se ne può più.
“Vedete ragazzi, il noto linguista insiste sulla parità che la donna deve ancora raggiungere addirittura in campo lessicale. Il vocabolario italiano è pieno di espressioni che al maschile hanno un significato gradevole, simpatico e positivo e al femminile invece ne assumono un altro di ben diversa natura”.
E alla lavagna gli ho fatto un bello schemone.
Cortigiano= uomo di corte/ Cortigiana= quella cosa lì.
Uomo di strada= uomo del popolo/ Donna di strada= quella cosa lì.
Un uomo pubblico= un uomo in vista/ Una donna pubblica= quella cosa lì.
Un uomo facile= un uomo senza pretese/ Una donna facile= quella cosa lì.
Un intrattenitore= un uomo dalla conversazione divertente/ Un’intrattenitrice= quella cosa lì.
Un uomo disponibile= un uomo gentile e premuroso/ Una donna disponibile= quella cosa lì.
Un cubista= un uomo che dipinge nello stile di Picasso/ Una cubista= quella cosa lì.
Un passeggiatore= un uomo che cammina/ Una passeggiatrice= quella cosa lì.
Un uomo allegro= un buontempone/ Una donna allegra= quella cosa lì.
Un mondano= un gran signore/ Una mondana= quella cosa lì.
Uno che batte= un tennista/ Una che batte= quella cosa lì.

Si era partiti benissimo e dentro di me pensavo che quella che stavo facendo era insieme una lezione di grammatica, storia della lingua e costume.
A un certo punto, forse ispirata dalla reiterazione del sintagma “quella cosa lì”, la classe multietnica ha preso il sopravvento.
Io mi sono ritrovata seduta alla cattedra.
E loro si avvicendavano bellamente alla lavagna a scrivere “quella cosa lì” nelle loro lingue.
Albanese: kurve.
Rumeno: curva.
Filippino: pok pok.
Spagnolo: puta.
Cinese: ji nu (o, in alternativa, biaozi).

Ancora mi chiedo dove ho sbagliato.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>