I casi sono due

Pubblicato il 28 dicembre 2011 da admin

Se nelle vacanze natalizie, quando lo stacco dalla scuola dovrebbe essere radicale e assoluto, quando “vacare” dovrebbe essere il verbo dominante dell’unica azione ammessa nello scorrere del giorno, quando l’ultimo dei pensieri dovrebbe focalizzarsi tra banchi, cattedre e corridoi, se nelle vacanze natalizie insomma tu continui a ricevere messaggini e mail dagli alunni, i casi non possono essere che due.

Uno: suddetti alunni ti pensano, ergo ti vogliono un gran bene.
Due: suddetti alunni ti detestano, ergo mirano a causarti un esaurimento nervoso che posticipi di una mesata il tuo rientro in classe, altrimenti previsto per il 9 gennaio prossimo venturo.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>