Sincerità

Pubblicato il 14 aprile 2013 da admin

“Zia.”
“Dimmi amore.”
“Cosa fa quel signore?”
“Sta preparando un coctail da servire a quei due clienti seduti al tavolino fuori.”
“Che schifo. Guarda che coloraccio, sembra vomito.”

Mai portare un bambino intellettualmente libero e caratterialmente sfrontato a prendere un succo di frutta al Gilly Caffè in piazza della Repubblica a Firenze.
Oppure portarcelo, godendo della sua spiazzante sincerità.

Comments are closed.