E’ qui la festa?

Pubblicato il 12 giugno 2013 da admin

Quando la festa è a scuola, la scuola si trasforma.
Siccome ci stai sempre quando è giorno, se a scuola ci vai di notte ti pare di essere in un altro edificio, in un altro quartiere, quasi in un’altra città.
Nell’atrio in cui al cambio dell’ora ti sei incrociato ogni mattina coi colleghi e gli studenti, le custodi apparecchiano file di tavoli fino a ottenerne uno gigantesco a forma di ferro di cavallo: sul corno sinistro tutto il salato, su quello destro tutto il dolce. In un tavolino a parte, come nei locali seri, il bere e gli stuzzichini.
Nel giardino la Provincia ha finalmente tagliato l’erba così qualcuno alla festa ci porta pure il cane.
Via via arrivano i colleghi: solo che, tirati a lucido e cilindrati in quella maniera, stenti a riconoscerli. Ed ecco anche i ragazzi e le ragazze: coi capelli leccati da una lingua di mucca i primi, spavalde su dei meravigliosi trampoli da circo le seconde.
Alla festa di quest’anno hanno portato anche un dj vero e un animatore stravagante con la faccia come il culo che non si fa riguardo alcuno ad avvicinarsi ai professori.
Le classi quinte inscenano sipari imitando i docenti. Graziaddio io le quinte non ce l’ho così la figura di merda è procrastinata di un annetto.
Per compensare, mi lancio in pista e ballo tutto quello che sputano le casse.
Compresa l’improponibile canzone del capitano.

Comments are closed.