Gelosia

Pubblicato il 16 gennaio 2014 da antonella landi

LEI: “Eccolo qua, il mio tesoro bello!”
LUI: “…”
LEI: “Ma come stai, bellissimo?”
LUI: “…”
LEI: “Ma lo sai che mi sembri ancora più bello della settimana scorsa? Ma come fai? Sei meraviglioso!”
LUI: “…”
LEI: “Cosa fai, mi guardi in borsa? Fai, fai pure, fai tutto quello che ti pare, lo sai che per me non c’è problema, a quelli belli come te faccio fare tutto!”
LUI: “…”
LEI: “Vieni con me? Andiamo dai, che cominciamo dalla sala!”
LUI: “…”
LEI (canticchiando): “C’era una volta una gatta che aveva una macchia nera sul collo e una vecchia…”
LUI: “…”
LEI: “Non aver paura, non ti faccio mica niente! Stai, stai qui con me che mi metti il buonumore!”
LUI: “…”
LEI (sempre canticchiando): “Lallallallero… lallallalleroooo….”
LUI: “…”
LEI: “Adesso ci spostiamo in camera, che ne dici, vieni insieme a me? Dai che così mi sento più felice!”
LUI: “…”
LEI: “Aspetta che chiudo la porta e spalanco la finestra. Ma hai visto che bella giornata è oggi?”
LUI: “…”
LEI: “Vuoi uscire sul balcone? Vieni che ti apro. E quando ho finito qui ci vengo anch’io così mentre io lavoro tu mi guardi e ti godi anche un po’ di questo solicino!”
LUI: “…”
LEI: “Ma lo sai che ieri ho trovato una gattina abbandonata vicino a casa mia?”
LUI: “…”
LEI: “Ma tu avessi visto bella! Bianca e nera, a pelo lungo, e morbida da morire!”
LUI: “…”
LEI: “Non potevo mica lasciarla lì! Così l’ho presa e l’ho portata a casa. Stamani l’ha adottata la mia vicina, che ne ha già due. Io non potevo tenerla, ne ho cinque! Ma se non l’avesse presa lei l’avrei tenuta, e così sarei arrivata a sei!”
LUI: “…”
LEI: “Certo che te sei proprio bello, eh…”
LUI: “…”

La maga viene a casa e, mentre pulisce, parla per tre ore col mio gatto.
Il quale la segue passo passo, la contempla con sguardo estasiato, l’ascolta come se capisse e non le risponde solo perché non sa parlare.
Io vengo sistematicamente relegata in altra stanza e puntualmente scacata. Soprattutto da lui.
La gelosia mi corrode.

Comments are closed.