Prosit!

Pubblicato il 27 aprile 2009 da admin

“Di origine probabilmente scandinava, i Longobardi calarono in Italia sotto la guida del loro re Alboino. Come tutti i re longobardi, anche Alboino era un eroico guerriero: pensate, prima dell’invasione dell’Italia, egli aveva condotto due vittoriose campagne contro i Gèpidi e aveva personalmente ucciso il loro re Cunimondo, facendo del suo teschio una coppa da cui bevve. Va tenuto presente che il gesto, generalmente considerato una manifestazione di macabro scherno, indicava in realtà una sorta di assunzione magica delle prerogative regali e della potenza vitale del defunto”.

Commenti in classe all’insolita notizia.

“Maremma che schifo, però”.

“Che poi, il teschio non perdeva?”.

“O grullo, l’avrà chiuso”.

“Sì, e con che cosa?”.

“Che ne so, c’avrà messo dei tappini”.

“Ma icché dici?”.

“Oh, vedrai”.

“Ma che dite, scemi, i buchi li avrà stuccati”.

“Ah già, è vero, ha ragione lui”.

“Mah, insomma, non è mica tanto facile tappare i buchi degli occhi con lo stucco”.

“Perché, quelli del naso?”.

“E poi c’era da tappare anche gli orecchi”.

“Va be’, basta fare un lavorino attento di precisione”.

“E insomma profe, poi cosa successe?”.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>