Amo la radio

Pubblicato il 23 luglio 2009 da admin

Quando son solo in casa e solo devo restare, per finire un lavoro o perché ho il raffreddore, c’è qualcosa di molto facile che io posso fare: è accendere la radio e mettermi a ascoltare.

Finardi cantava questa canzone dai contenuti eterni quando io andavo in quinta elementare.

La radio per me è (ancora) più di tutto: più della televisione, più dell’i-pod, più del computer.

Il primo ricordo che ho di mio padre lo ritrae in cucina la domenica mattina a cercare la hit parade di Lelio Luttazzi su un apparecchio ingiallito e marroncino.

Il primo gesto delle mie mattine è accendere la Tivoli al gabinetto e fare la pipì in compagnia di Shostakovich.

Per questo cerco sempre di dire no a chi tenta di mettermi davanti alle telecamere, ma esclamo un sì convinto a chi mi propone di cavalcare una frequenza.

Questo pomeriggio, dalle 15:40 per un’ora, il giornalista Gabriele Ametrano m’intervisterà a Rete Toscana Classica (90.2, 93.1, 93.3, 94.6, 97.5, in replica lunedì 27 luglio ore 10:40, in streaming su www.retetoscanaclassica.it).

Questa sera, alla consueta ora nostra, i saluti con Vic su Radio DeeJay per l’ultima puntata prima delle vacanze estive.

Mai come adesso è il caso di dire ci sentiamo.

E ci salutiamo con le parole di quella canzone deliziosa e veritiera.

Amo la radio perché arriva dalla gente, entra nelle case e ci parla direttamente. E se una radio è libera (ma libera veramente), mi piace anche di più, perché libera la mente.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>