Il maschio alfa

Pubblicato il 16 aprile 2016 da antonella landi

Parlando della scoperta -e poi della conquista- del continente americano, quelli di terza chiedono come gli spagnoli abbiano potuto assoggettare tanto facilmente i cosiddetti indios. Nella vicenda messicana, in particolare, come ha potuto un pugno di uomini guidato da quel sanguinario megalomane di Hernàn Cortès abbattere un impero vasto e così ben organizzato come quello azteco di Montezuma?

“Le ragioni sono molteplici -rispondo- l’avidità, prima di tutto: il desiderio fanatico di trovare ricchezze, oro, schiavi e terre mise questi uomini in una posizione emotiva di vantaggio. Al tempo stesso quegli avventurieri si sentivano animati da uno spirito missionario parossistico che li induceva a considerare le proprie azioni come una nuova versione di crociata. L’intelligenza tattica di Cortès è un altro motivo. Egli oltretutto venne creduto l’ambasciatore del capostipite della popolazione azteca, che lo accolse con tutti gli onori. Contò anche il fatto che i guerrieri aztechi erano spaventati dalle strane armi e dagli strani animali di cui i nuovi arrivati erano in possesso: le armi da fuoco e i cavalli, per esempio. E infine, ultimo ma non meno importante, quel sentimento di bellicismo maschilista che caratterizzava la cultura europea e che era celebrato da una prestigiosa tradizione in cui figure storiche, letterarie o leggendarie di eroi e combattenti hanno avuto un posto di primissimo piano.”

Non so cosa si sia scatenato nella porzione maschile della classe.
I ragazzi hanno iniziato a sollevarsi le maniche delle felpe, gonfiare il muscolo del braccio, alzarsi la maglietta, mettere in mostra nascoste tartarughe. Tutti si contendevano il titolo di maschio alfa.
Le femmine nel frattempo urlavano buuuuuu.
Io ridevo come una pazza ed esclamavo: “Però, Cece! Sai che coperto dai vestiti ti facevo meno macho e più cicciotto?”

Hanno bussato alla porta.
La collega dell’aula confinante con la nostra è venuta a farci un cazziatone per la confusione che sentiva.

Comments are closed.