Chi dice donna

Pubblicato il 13 marzo 2011 da admin

Sarà che l’iniziativa rientrava in una lunga serie di eventi tutti al femminile.
O sarà che a organizzarla sono state le squisite signore della Consulta per le Pari Opportunità del Comune e della Provincia insieme a Maria Sangalli, raffinata ed elegante nei suoi capelli di neve.
Fatto sta che a me ieri il Palazzo d’Arnolfo sembrava pieno solo di donne.
Eppure anche di uomini ce n’erano parecchi, a partire da “quell’omino” adorabile, un amico del mio babbo che non mi ha mai perdonata per averlo chiamato in questo modo quando ero ragazzina. Fino all’omone grosso generoso e avvolgente d’abbracci che dirige l’associazione delle famiglie incasinate. E poi gli amici d’infanzia, i compagni delle estati al campeggio Gastra, i ragazzi cresciuti insieme a mio fratello e quindi anche con me.
Io però, guardandomi intorno mentre parlavo, non vedevo altro che facce di genere uguale al mio.
C’era la mia compagna di banco delle medie, la sorella della mia compagna di banco delle elementari, la mamma della mia compagna di banco del liceo.
C’erano le donne che portavano fuori il cane lungo l’Arno quando anch’io ne avevo uno da portarci.
C’erano donne che erano ragazze quando lo ero anch’io e che ora sono avvocato, maestre elementari, assistenti sociali, mogli e madri.
C’era la signora della macelleria Gori che tutte le sere con suo marito legge gli aggiornamenti su questo blog e che per ringraziarmi di quello che scrivo mi ha portato un mazzo di tulipani bianchi che mi parleranno di lei nei prossimi giorni.
In Palazzo d’Arnolfo l’impianto di riscaldamento si era rotto e faceva un freddo becco.
Eppure, pur nella paralisi circolatoria negli arti inferiori, pur nelle mani irrigidite dal gelo del salone medievale, io non ho fatto che sentire un bel caldo rassicurante e consolatorio dentro il quale leggevo che, chi dice donna, dice colonna.

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>